Risparmio acqua - water saving Rubinetterie bagno

La rubinetteria intelligente suggerita da Blue Responsibility per risparmiare e ridurre l’impatto ambientale

L’acqua potabile è il nostro nutrimento più prezioso e deve essere utilizzata sempre in modo consapevole, tuttavia mentre nella propria abitazione le persone cercano di evitare gli sprechi di acqua, quando sono fuori casa sembrano dimenticarsene e utilizzano questa risorsa in modo sbagliato. Le aziende che prendono parte all’iniziativa Blue Responsibility hanno pertanto sviluppato delle rubinetterie intelligenti per lavabi con funzioni di risparmio idrico, che favoriscono un impiego consapevole delle risorse anche nei bagni pubblici e semipubblici e allo stesso tempo garantiscono l’igiene dell’acqua potabile.

Oggi per raggiungere elevati standard di risparmio esistono valide e convenienti soluzioni da applicare alla rubinetteria, Blue Responsibility ne suggerisce alcune:

  • Rubinetteria che limita la temperatura
  • Regolatori automatici della portata d’acqua
  • Meccanismi temporizzati
  • Rubinetteria a controllo elettronico
  • Cartucce clic che permettono invece all’utente di selezionare la portata d’acqua

In Italia la consapevolezza dei consumatori nei confronti di un utilizzo oculato e sostenibile dell’acqua è mediamente elevata, anche perché è risaputa l’incidenza negativa sul bilancio familiare di un utilizzo eccessivo di acqua calda. “Nel settore pubblico e semipubblico (uffici, palestre, centri commerciali ecc.), dove l’utente non ha alcuna pressione sui costi e non è direttamente coinvolto nella gestione delle spese, l’atteggiamento di consapevolezza responsabile diventa nettamente inferiore“, spiega Reinhard Bartz di Franke Washroom Systems. Quando si parla di risparmio di acqua calda bisognerebbe però tener conto non solo del fattore costo ma anche della riduzione di energia consumata e di conseguenza di minori quantitativi di Co2 emessi e quindi del relativo impatto ecologico. “E’ proprio pensando a questi fattori che abbiamo studiato una rubinetteria dotata di cartucce che limitano la temperatura e che contribuisce pertanto in modo significativo all’uso parsimonioso delle risorse“, afferma Katja Zimmermann di Keuco. Soluzioni quali regolatori della portata d’acqua, meccanismi temporizzati, rubinetteria a controllo elettronico e sistemi di gestione dell’acqua assolvono automaticamente una funzione di risparmio. Le cartucce clic lasciano invece all’utente la libertà di scegliere consapevolmente il quantitativo d’acqua erogato, potendo selezionare il flusso pieno o ridotto.

Regolare il flusso dell’acqua

Dal punto di vista tecnologico i regolatori della portata d’acqua rappresentano una soluzione semplice ma efficace. Una speciale guarnizione o-ring di precisione fa scorrere una quantità d’acqua predefinita e costante in modo pressoché indipendente dalla pressione dell’acqua. “Miscelando aria nel regolatore di getto si ottiene un getto d’acqua perfetto. Si preserva il comfort pur riducendo la portata d’acqua fino al 50 percento“, spiega Bianca Federer di Neoperl. Numerose case produttrici dotano già in origine la rubinetteria di un regolatore di portata o di un regolatore di getto con regolatore di portata integrato.

L’importanza dell’impiego efficiente dell’acqua anche nel settore pubblico e semipubblico

Negli edifici pubblici e semipubblici i produttori di rubinetteria tedeschi, quali Franke Washroom Systems, Geberit, Ideal Standard, Keuco, Kludi e Mepa, puntano molto sulla rubinetteria temporizzata ed elettronica. Sulla base dei principi idraulici di incomprimibilità dei liquidi, la rubinetteria temporizzata interrompe automaticamente il flusso d’acqua una volta trascorso un tempo predefinito. A tal fine la camera di pressione principale e quella di contropressione sono separate tra loro a livello costruttivo, ad esempio con una speciale membrana. Il tempo di erogazione della rubinetteria viene determinato dal tempo che l’acqua impiega per passare da una camera all’altra e può essere impostato in base alle esigenze. “Oltre alla funzione di risparmio dell’acqua, la rubinetteria temporizzata migliora anche l’igiene, perché dopo aver lavato le mani non occorre più toccare la rubinetteria“, afferma Reinhard Bartz.

Anche la rubinetteria elettronica interrompe il flusso d’acqua in modo autonomo. Spesso tale funzionamento viene controllato tramite sensori a infrarossi collocati nel corpo della rubinetteria, così l’acqua viene erogata solo quando le mani si trovano effettivamente sotto il rubinetto. “Il contatto con la pelle non è più necessario per aprire o chiudere il rubinetto”, sostiene Veit Szpak di Mepa. Un dispositivo automatico di spegnimento di sicurezza fa in modo che il flusso d’acqua venga interrotto comunque dopo 40 secondi. “Con la rubinetteria elettronica i potenziali di risparmio d’acqua derivano soprattutto dal fatto che l’acqua viene erogata solo quando è necessario. Per esempio quando l’utente si insapona le mani il flusso d’acqua si interrompe”, spiega Volker Röttger di Geberit. Regolatori di portata aggiuntivi massimizzano i risparmi di acqua.

I sistemi di gestione dell’acqua offrono un incremento di efficienza. Essi collegano in rete le rubinetterie elettroniche dell’intero edificio. Per il controllo si utilizza una gerarchia master-slave. In alternativa il sistema viene completamente integrato nel sistema di controllo centralizzato dell’edificio. Il controllo intelligente adatta l’erogazione dell’acqua al fabbisogno attuale, tenendo anche conto dell’igiene dell’acqua potabile. “Il sistema fa in modo che venga erogata meno acqua possibile, ma una quantità comunque necessaria dal punto per lavarsi adeguatamente“, spiega Reinhard Bartz.

Cartucce clic: la scelta tra risparmio dell’acqua e potenza piena

Con una cartuccia clic, come quella proposta ad esempio da Ideal Standard, il miscelatore dispone di una funzione di risparmio d’acqua variabile. Sollevando la leva fino al clic viene erogato il 50 percento della quantità d’acqua, così l’utente può scegliere consapevolmente la potenza di flusso piena o ridotta. La tecnologia supplementare Blue Start offre un risparmio energetico particolare: a differenza dei miscelatori tradizionali dove nella posizione centrale viene aggiunta acqua calda, questi miscelatori erogano esclusivamente acqua fredda nella posizione neutrale. “L’acqua calda si aggiunge ruotando la maniglia a sinistra”, afferma Thomas Kreitel di Ideal Standard. In tal modo si riducono il consumo energetico e le emissioni di CO2 determinate dall’acqua calda.

L’uso sostenibile dell’acqua salvaguarda l’ambiente e riduce i costi

Da tempo l’industria tedesca dei sanitari si impegna ad offrire prodotti che permettano, attraverso diverse soluzioni, di utilizzare le risorse con il minor spreco possibile. “La nostra rubinetteria a risparmio idrico può ridurre il consumo di circa il 40 percento. Per un utilizzo medio di otto volte al giorno, con una singola rubinetteria si possono risparmiare circa 16.000 litri di acqua all’anno“, spiega Silke Kersting di Kludi. “Secondo i nostri calcoli, nel settore pubblico una rubinetteria elettronica può consentire risparmi addirittura a sei cifre“, aggiunge Veit Szpak di Mepa. La rubinetteria intelligente aiuta a gestire gli edifici del settore pubblico e semipubblico in modo sostenibile dal punto di vista economico ed ecologico al tempo stesso. Nei Paesi che presentano carenza d’acqua, specialmente durante l’estate e in quelle zone di forte concentrazione turistica, che comporta elevati picchi di utilizzo di acqua, le soluzioni proposte dalle aziende tedesche di Blue Responsibility supportano l’impiego efficiente delle risorse e contribuiscono a una maggiore sostenibilità. “Le tecnologie intelligenti combinano sempre impiego consapevole dell’acqua, igiene dell’acqua potabile e comfort”, riassume Wolfgang Burchard, portavoce di Blue Responsibility.

Ulteriori informazioni su Blue Responsibility www.blue-responsibility.net.

Geberit HyTronic

 

About the author

ArredobagnoNews